Comitato provinciale per le comunicazioni (CORECOM)

Il comitato

Introduzione

Il Comitato Provinciale per le Comunicazioni è stato istituito in base alla legge provinciale n. 19 del 16 dicembre 2005 con la quale si è data attuazione anche nella nostra realtà ad una previsione contenuta nella norma istitutiva dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

Alle competenze del precedente organismo - quelle di consulenza per Giunta e Consiglio provinciali in materia di comunicazione - il nuovo Comitato attraverso la stipula di una apposita Convenzione, aggiunge quelle di "organo funzionale" dell'Autorità nazionale, esercitando in sede locale le deleghe su importanti materie. Basti citare quelle relative alle controversie tra i cittadini e gli operatori della comunicazione, alle risoluzioni delle stesse in caso di mancato accordo nell'istruttoria di primo livello - procedure del tutto gratuite per l'utente -, alla tutela dei minori in campo radiotelevisivo ed alla tenuta del Registro degli operatori di comunicazione (ROC).

Più in generale, il Comitato provinciale è chiamato ad esercitare una essenziale funzione di garanzia nel sistema comunicativo locale, con l'obiettivo di assicurare il massimo di pluralismo e di favorire la crescita produttiva, imprenditoriale e culturale delle emittenti dislocate sul nostro territorio che sono impegnate in un confronto sempre più competitivo con i processi di globalizzazione dell'informazione e della comunicazione.

Su questo terreno, il Comitato affianca e sostiene lo sforzo della Provincia e degli altri molteplici soggetti culturali, scientifici, imprenditoriali per assicurare al Trentino un ruolo non marginale nei processi di innovazione tecnologica destinati a mutare nei prossimi anni il panorama economico, sociale e civile e le stesse abitudini quotidiane dei cittadini.