Valutazione delle leggi

Archivio comitati per la razionalizzazione normativa

XIV legislatura - Comitato per la razionalizzazione normativa

I contenuti nella mozione n. 21 - approvata dal Consiglio provinciale il 17 febbraio 2005 - riguardano la semplificazione del sistema normativo provinciale.

Senza toccare le scelte di merito e i contenuti della politica legislativa, il Consiglio ha suggerito alcuni obiettivi e indirizzi utili non solo a migliorare il quadro normativo, per renderlo più ordinato e chiaro, ma anche a rendere più efficaci le procedure con cui le norme vengono approvate e divulgate.

La mozione individua una serie di iniziative affidandone il perseguimento alla Giunta e al Consiglio, ognuno per il proprio ambito, con il supporto d'impulso e propositivo di un apposito gruppo di lavoro composto da consiglieri provinciali.

Il gruppo di lavoro sulla razionalizzazione del sistema normativo è stato costituito dal Presidente del Consiglio provinciale con decreto n. 1992 del 17 marzo 2005. La composizione del gruppo di lavoro prevede quattro consiglieri: due della maggioranza e due dell'opposizione, che si alternano nel coordinamento del gruppo di lavoro. All'attività del gruppo, che si è insediato il 5 aprile 2005, partecipa anche un rappresentante della Giunta provinciale. Il gruppo si avvale del supporto tecnico di funzionari del Consiglio e della stessa Giunta.

Il programma di lavoro è stato approvato il 9 giugno 2005. Prevede una serie di iniziative e di interventi di vario contenuto e spessore, come la verifica dei metodi di legislazione, l'uso di tecniche di semplificazione e di razionalizzazione normativa, la qualificazione dell'istruttoria legislativa, l'adozione di nuovi strumenti di divulgazione e di valutazione normativa: il tutto in un contesto che richiede un'azione sinergica di tutti i soggetti che a vario titolo intervengono nei processi normativi provinciali.

Inoltre il gruppo ha deciso di effettuare un'indagine conoscitiva, rivolta a soggetti qualificati, per acquisire contributi, osservazioni e proposte sui problemi connessi alla formazione, conoscenza, interpretazione e applicazione della normativa provinciale.

Il 14 febbraio 2006, su proposta del gruppo di lavoro, il Consiglio provinciale ha approvato l'ordine del giorno n. 82. Sviluppando i temi della mozione n. 21 l'ordine del giorno impegna la Giunta provinciale, fra l'altro, a effettuare una revisione della normativa provinciale, sulla base di un'organica programmazione legislativa e applicando criteri di semplificazione normativa e amministrativa.

Il 25 maggio 2006 il gruppo di lavoro ha approvato una relazione sulla sua attività, inviandola ai consiglieri provinciali, al Presidente del Consiglio provinciale e al Presidente della Provincia. Il successivo anno di attività del gruppo di lavoro è descritto in una seconda relazione, approvata il 23 aprile 2007. Ulteriori aggiornamenti sulle attività del gruppo di lavoro sono nella lettera inviata ai consiglieri provinciali il 17 dicembre 2007. Il 23 settembre 2008, infine, il gruppo di lavoro ha approvato una relazione conclusiva, dato che le sue attività cessano in occasione delle elezioni provinciali.

Attività del gruppo di lavoro

  • Proposta di modificazione dello statuto speciale in materia di testi unici
    Il 27 marzo 2007 il Consiglio provinciale ha fatto propria la proposta, trasmettendola al Consiglio regionale e al Consiglio provinciale di Bolzano. Purtroppo quest'ultimo ha respinto la proposta, il 7 novembre 2007; quindi la sua approvazione si allontana. Se un domani la proposta fosse approvata definitivamente (dal Parlamento) la Giunta provinciale potrebbe varare dei testi unici, semplificando e compattando le leggi della Provincia.

  • Indagine conoscitiva sul sistema normativo provinciale.
    Vedi la relazione sull'indagine conoscitiva e l'elenco delle persone che hanno partecipato all'indagine.

  • Proposta di ridefinizione delle leggi finanziarie
    La proposta è stata approvata: vedi il nuovo art. 26 della l.p. 14 settembre 1979, n. 7, come sostituito dall'art. 35 della l.p. 29 dicembre 2005, n. 20. Prevede una semplificazione delle precedenti leggi omnibus (leggi finanziarie e leggi di adeguamento) e la loro unificazione in un solo provvedimento, meno corposo della somma dei due provvedimenti precedenti.

  • Proposta in materia di abrogazioni
    La proposta è stata approvata: vedi l'art. 61 e gli allegati D ed E della l.p. 29 dicembre 2005, n. 20 , che hanno abrogato parzialmente o per intero poco meno di cento leggi.
    L'art. 78 e l'allegato C della l.p. 29 dicembre 2006, n. 11, approfondendo la verifica sugli atti in vigore, hanno abrogato per intero o parzialmente un'altra settantina di leggi. Di conseguenza il sistema normativo provinciale, oggi, è formato da circa 370 leggi vigenti.
    Successivamente il gruppo di lavoro ha promosso un'analoga operazione di pulizia nell'ambito dei regolamenti provinciali: il d.p.p. 14 aprile 2008, n. 14-121/Leg, quindi, ne ha abrogati 380, facendo scendere a poco più di 160 il numero dei regolamenti in vigore.

  • Clausole valutative
    Queste clausole prevedono che sia monitorata l'attuazione delle leggi: valutando gli effetti delle nuove norme i consiglieri potranno verificare se i loro obiettivi sono raggiunti in maniera semplice ed efficace. Di qui la proposta di sperimentare alcune clausole valutative: la prima, in materia di asili nido, è stata approvata come art. 11 ter della l.p. 12 marzo 2002, n. 4 (aggiunto dall'art. 12 della l.p. 19 ottobre 2007, n. 17); una seconda, in materia di odontoiatria, è stata approvata come art. 8 della l.p. 12 dicembre 2007, n. 22. Il gruppo di lavoro, inoltre, ha dettato alcuni indirizzi sulle modalità con cui dovranno essere attuate queste norme.

  • Altre proposte
    Il gruppo di lavoro ha presentato una proposta per migliorare la diffusione della modulistica provinciale e per semplificarla: il Consiglio provinciale l'ha approvata il 21 marzo 2007: vedi il nuovo art. 9, comma 2 della l.p. 30 novembre 1992, n. 23, come sostituito dall'art. 10 della l.p. 27 marzo 2007. n. 7.

    Da ricordare, inoltre, un intervento perché l'invio di documentazione cartacea da parte del Consiglio provinciale sia sostituito da modalità informatiche di diffusione, per motivi di semplificazione e di risparmio.
    S'è avviata un'attività di verifica sui regolamenti provinciali, sulle leggi che li prevedono e sull'intervento del Consiglio sopra questi atti, in vista di una razionalizzazione della materia.
    Fra le misure che dovrebbero contribuire alla semplificazione e alla comprensibilità delle norme va segnalato un intervento in materia di titoli brevi e di riassunti degli atti normativi, approvato come art. 9 e tabella A della l.p. 12 settembre 2008, n. 16.
    Fra le prime iniziative in materia di divulgazione va ricordata una proposta per migliorare le banche dati che contengono gli atti normativi, amministrativi ecc. della provincia, in modo da connetterle meglio e da rendere più accessibili le informazioni; e una seconda proposta, relativa al bollettino ufficiale della regione. Infine, su proposta del gruppo di lavoro è stato approvato l'ordine del giorno n. 266, per promuovere la realizzazione di un portale unico della pubblica amministrazione trentina; per attuare l'ordine del giorno è stata firmata una lettera d'intenti, che impegna i principali attori della nostra pubblica amministrazione a procedere su questa strada.