Difensore civico

Il Difensore civico nella Provincia autonoma di Trento

Aree di intervento

Il Difensore civico ha una competenza generale in tutti i settori della Pubblica Amministrazione e dei servizi pubblici, oltre a funzioni di tutela dei diritti umani fondamentali, con alcune importanti eccezioni, che riguardano i settori della giustizia, della sicurezza e dell’ordine pubblico.
Le principali aree di intervento sono le seguenti:

  • attività amministrativa e procedimento amministrativo in genere
  • diritto di accesso, trasparenza e rapporti con il cittadino 
  • erogazione servizi pubblici (acqua, luce, gas, ecc.) 
  • tributi 
  • settori economico-produttivi 
  • servizi sociali 
  • tutela delle persone affette da handicap 
  • sanità, diritto alla salute 
  • scuola ed istruzione 
  • cultura 
  • urbanistica, edilizia, tutela dell’ambiente e del territorio 
  • edilizia abitativa pubblica ed agevolata 
  • trasporti 
  • viabilità, opere pubbliche 
  • inquinamento ambientale
Verso quali Enti può intervenire il Difensore civico

Può intervenire tendenzialmente nei confronti di tutti gli Enti ed uffici pubblici presenti sul territorio provinciale.

In particolare, interviene nei confronti di:

  • Provincia ed enti ad essa collegati
  • Azienda provinciale per i Servizi Sanitari
  • ITEA S.p.A.
  • Società ed aziende locali di pubblico servizio
  • Comuni ed altri Enti convenzionati

Di prassi, in armonia con i principi costituzionali di buona amministrazione, imparzialità, leale collaborazione, interviene anche nei confronti di altri Enti, quali:

  • Comuni ed altri Enti non convenzionati
  • Università 
Il Difensore civico può, altresì, intervenire nei confronti delle amministrazioni periferiche dello Stato, limitatamente agli ambiti territoriali di rispettiva competenza, con esclusione di quelle che operano nei settori della difesa, della sicurezza pubblica e della giustizia (art. 16 legge 127/1997). 
Sul piano dell'esperienza applicativa numerosi sono gli interventi nei confronti di Inps, Inail e altri enti nazionali di previdenza ed assistenza, Agenzia delle Entrate, Agenzia del Demanio, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Università e Ministeri, esclusi i settori sopra indicati.