Condividi
Condividi

Giornale online

 

 
Dorigatti e Viola hanno presentato il rendiconto sociale dell’assemblea legislativa
La “foto” 2016 del Consiglio provinciale: motore a pieno regime
In allegato, il testo integrale del documento e alcune immagini
​​​​​​​​Ventuno leggi provinciali per 403 articoli complessivi, 47 giornate  d'aula per 252 ore di lavori, ma anche 166 sedute delle cinque Commissioni legislative e 68 disegni di legge depositati. Il rendiconto sociale 2016 del Consiglio provinciale – fotografia statistica della scorsa annata – rappresenta bene l'articolazione dell'impegno profuso dall'organo legislativo dell'autonomia trentina. Il documento è stato presentato stamane a palazzo Trentini – a nome di tutto l'Ufficio di Presidenza - dal presidente Bruno Dorigatti e dal vicepresidente Walter Viola, assieme alla dirigente del Servizio organi collegiali, Giorgia Loss, che ne ha curato la redazione.  Pubblicato anche nel sito del Consiglio provinciale, fornisce tra l'altro un quadro degli atti politici dei singoli consiglieri, nonché le loro percentuali di presenza alle votazioni dell'aula. Si riferisce dell'attività di valutazione delle leggi, della variegata opera di informazione svolta dall'ente, delle iniziative culturali promosse e organizzate (si è appena conclusa la mostra di opere della Collezione Kreuzer), delle collaborazioni istituzionali messe in campo con Bolzano e Innsbruck (in particolare sul fronte del Dreier Landtag, che nel 2016 è stato ospitato proprio a Trento), dell'attenzione rivolta agli studenti e agli anziani e pensionati (complessivamente 8.276 ospiti a palazzo Trentini). Il rendiconto dedica un'ampia sezione alle attività per i cittadini svolte dagli organismi incardinati presso il Consiglio: Autorità per le minoranze linguistiche, Corecom, Commissione pari opportunità, Difensore civico e Garante dei minori, Forum per la pace e i diritti umani.

Dorigatti si è soffermato in particolare sul significato di alcuni passaggi del rendiconto.
 
· Gli elevati numeri statistici relativi a tutti i rami d'attività del Consiglio, con le sue Commissioni, la Conferenza dei capigruppo, l'Ufficio di Presidenza, il Tavolo per la valutazione degli effetti delle leggi provinciali, l'Assemblea delle minoranze, non ultimo poi lo sforzo avviato proprio nel 2016 attorno alla riforma dello Statuto speciale e ai lavori della Consulta provinciale. Il presidente Dorigatti ha detto che le cifre sono le più alte degli ultimi dodici anni. Il vicepresidente Viola ha aggiunto che le cifre fotografano un organo realmente complesso e che la sua parte per il Trentino la sta facendo, grazie anche al livello di tutto il suo personale. Al di là del merito dei provvedimenti, il Consiglio c'è e lavora intensamente.
· Un incremento del 60% delle norme di legge approvate per modificare leggi preesistenti. La sola manovra finanziaria di fine anno è servita a manutentare ben 77 leggi provinciali. C'è poi da dire che molto spesso l'attività legislativa provinciale è motivata dalla necessità di adeguarsi alla più recente legislazione nazionale, facendo fronte alla spinta centralista manifestata da Roma. Nel complesso – ha giudicato Dorigatti – è aumentata nel 2016 l'efficienza e l'efficacia dei provvedimenti legislativi, approvati nell'arco medio di 249 giorni dalla proposta, che nel 60% dei casi è provenuta dal governo provinciale. Un dato: le leggi provinciali vigenti oggi sono nel complesso 387 e tendono a diminuire (per 15 è già avviato l'iter di abrogazione). 230 sono i regolamenti attuativi in vigore, 57 le leggi che attendono ancora il varo appunto della normativa di dettaglio rimessa alla Giunta provinciale.
· L'intensità con cui i consiglieri provinciali ricorrono agli strumenti delle interrogazioni, con larghissima prevalenza di quelle provenienti dalla minoranza (94,7%). Anche il question time e quindi le interrogazioni a risposta immediata in Trentino godono di un successo superiore alla media delle altre realtà regionali italiane.
· L'aumento delle petizioni popolari, che sono state ben 5 nel 2016 e attestano – ha osservato Dorigatti – la necessità della popolazione, in tempo di crisi dei partiti e della rappresentanza politica, di arrivare al Consiglio senza mediazioni ed elaborazioni intermedie.
· La crescita costante del Gruppo Misto, passato da 1 a 5 consiglieri provinciali, anche in questo caso per effetto delle forti tensioni interne alle formazioni partitiche, che tendono più a disgregarsi che a concentrare le forze.
· Il grande numero di emendamenti ai disegni di legge. Sono 32 mila 665 finora in questa XV legislatura, sono l'effetto dell'ostruzionismo praticato dalle opposizioni, che finora è stato affrontato e risolto attraverso la mediazione politica. Dorigatti ha ricordato ad esempio come si è riusciti a superare l'ostacolo di 14 mila emendamenti al progetto sulla buona scuola. "La strada è questa – ha detto il presidente – anche se è vero che sulla questione della parità di genere nel voto siamo attualmente a un punto fermo. Ma la politica può e deve fare il proprio mestiere, sciogliere i nodi e trovare i punti d'incontro".
· L'inopportunità di mettere mano al regolamento d'aula per impedire o limitare le pratiche ostruzionistiche. Dorigatti ha detto chiaramente che non ci sono le condizioni per cambiare le regole e magari eliminare anche l'attuale meccanismo con cui le opposizioni chiedono e ottengono la discussione in aula senza tempi d'intervento contingentati. "Non esiste il voto di fiducia nel nostro ordinamento provinciale – ha spiegato il presidente – e quindi la maggioranza non può allungare il passo e imporre la propria volontà. Credo che sia più ragionevole continuare a fare affidamento sulla mediazione e la trattativa politica, i frutti fin qui sono stati buoni".
·  L'obiettivo dichiarato di rafforzare le istituzioni dell'autonomia. Dorigatti ha detto che si lavora dunque per valorizzare il Consiglio e per questo si presta molta attenzione alla trasparenza dell'ente, all'investimento in formazione del personale. Si è fatta la scelta dei sistemi informatici open source e si è ottenuto il certificato del Family Audit. Come linea di tendenza generale, morigeratezza e oculatezza nell'impiego delle risorse economiche.
 
Luca Zanin
Galleria immagini:
  • Loss, Dorigatti e  Viola
  • Dorigatti intervistato per rendiconto sociale 2016
  • Viola e Dorigatti per il rendiconto sociale 2016
  • Dorigatti risponde alle domande sul rendiconto sociale 2016
 
 
Allegati:
Articoli correlati:
 
Vedi anche:
 
Pagine visitate
  • La “foto” 2016 del Consiglio provinciale: motore a pieno regime
 
 
Consiglio della Provincia autonoma di Trento: Via Manci, 27 - 38122 Trento - tel. 0461 213111 - e-mail: Contatta C.F. 80009910227
Indirizzo di e-mail certificata (PEC) segreteria.generale@pec.consiglio.provincia.tn.it

​Questo sito usa cookie tecnici e cookie di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano il Consiglio della Provincia autonoma di Trento a migliorare la fruibilità dei contenuti. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare la sezione Cookie Policy.