Condividi
Condividi

L'autonomia

Tutela delle minoranze linguistiche
 

Introduzione
L'esigenza d'assicurare forme specifiche di tutela alle minoranze linguistiche presenti sul territorio costituisce l'elemento principale su cui storicamente (e quindi giuridicamente) si fonda l'autonomia speciale del Trentino - Alto Adige. La garanzia delle minoranze linguistiche non è un dato peculiare di questa sola regione, posto che anche la Valle d'Aosta e il Friuli Venezia Giulia hanno ordinamenti che mettono in significativo rilievo questi aspetti. Peculiari del Trentino - Alto Adige (e soprattutto dell'Alto Adige), per quantità di soggetti tutelati, per qualità e differenziazione di contenuti e per grado di garanzia assicurato, sono però gli esiti normativi che attraverso lo statuto, le norme di attuazione e le legislazioni di settore sono stati raggiunti in questo ambito.
In particolare, la minoranza di lingua tedesca che vive in Alto Adige è la più forte esistente in Italia, e lo statuto le riconosce un insieme di diritti e di garanzie molto articolato e avanzato.
Alle altre minoranze linguistiche presenti in regione (ladini, mocheni e cimbri) sono riconosciuti un complesso di tutele e di garanzie complessivamente inferiori rispetto a quelle attribuite al gruppo tedesco, anche se la loro tutela (e soprattutto quella del gruppo ladino) registra un progressivo e significativo avanzamento.
Differenti sono anche i regimi di tutela applicati presso le due province: più ampio e complesso quello della provincia di Bolzano rispetto a quello della provincia di Trento, ovvia conseguenza del diverso peso che hanno nei rispettivi territori i gruppi di minoranza (questo vale soprattutto in relazione alla diversa consistenza del gruppo di lingua tedesca rispetto agli altri).
E' infine un dato di fatto che le ragioni e le motivazioni che stanno a fondamento dell'esigenza di tutelare la minoranza di lingua tedesca in Alto Adige sia stato uno dei motori principali che ha spinto verso la costruzione e l'arricchimento progressivi dell'autonomia dell'intero Trentino - Alto Adige, portandola ad un grado molto avanzato di peculiarità e di tutela istituzionale.

 
 
 
Consiglio della Provincia autonoma di Trento: Via Manci, 27 - 38122 Trento - tel. 0461 213111 - e-mail: Contatta C.F. 80009910227
Indirizzo di e-mail certificata (PEC) segreteria.generale@pec.consiglio.provincia.tn.it

​Questo sito usa cookie tecnici e cookie di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano il Consiglio della Provincia autonoma di Trento a migliorare la fruibilità dei contenuti. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare la sezione Cookie Policy.